Calcola mutuo

Qui di seguito riteniamo utili alcuni strumenti di prova per simulare un prodotto personalizzato:

Calcola mutuo

Calcola tasso

Tassi

Strumenti

Piano ammortamento

Per poter acquistare  o ristrutturare la propria casa di residenza o per quella delle vacanze, è spesso necessario ricorrere ad un mutuo presso un istituto di credito.

Il mutuo non è altro che un finanziamento a medio o lungo termine con il quale il cliente rimborsa  la somma ricevuta in rate a scadenza solitamente mensile o più raramente semestrale, per un periodo che varia dai 10 ai 30 anni massimo.

Per ottenerlo è necessario dimostrare di avere la possibilità economica di poterlo restituire nel tempo, con un reddito disponibile adeguato: ogni ente erogatore considera facilmente rimborsabile una rata  che non superi un terzo del reddito a disposizione.

Di media il mutuo copre fino al 75-80% del valore dell’immobile compravenduto ed è denominato mutuo ipotecario perchè a garanzia dell’adempimento delle condizioni contrattuali viene iscritta un’ipoteca.

Il contratto di mutuo, stipulato con atto notarile, ed accessibile presso banche ed istituti di credito o presso società finanziarie autorizzate, è contraddistinto da alcuni elementi essenziali: il tasso di interesse, la durata del finanziamento, la tipologia della garanzia.

Il tasso d’interesse, ovvero il compenso che l’ente erogatore applica al mutuo per il prestito erogato, determina altresì la tipologia stessa dei contratti, generandone di tre diversità:

Il contratto a tasso fisso  quando la rata del finanziamento non varia per l’intera durata del mutuo. Questa tipologia di contratto ha il vantaggio di non riservare “sorprese”, quindi è senz’altro consigliabile a chi vuol esser certo degli importi delle rate e di conseguenza dell’ammontare totale del debito, ma non dà l’opportunità di usufruire di tassi d’interesse più bassi qualora il mercato monetario li offra.

Il contratto a tasso variabile quando la rata del finanziamento varia in  base al mercato monetario del singolo momento. Questo tipo di mutuo implica ovviamente dei rischi dovuti all’ imprevedibilità dell’ aumento anche considerevole dell’importo delle rate. Può esser consigliato a chi vuole un tasso costantemente in congruenza con l’andamento del mercato e che comunque è in grado di sostenerne le eventuali variazioni.

Il contratto a tasso misto quando sono previsti entrambi i tassi, quello fisso e quello variabile. Il tasso misto è consigliabile a chi al momento della sottoscrizione del contratto preferisce non prendere ancora una decisione definitiva ma vuole riservarsi nel futuro l’opportunità di un cambiamento.

Il tasso d’interesse é determinato in funzione a parametri legati al mercato finanziario (Euribor) cui è aggiunta una maggiorazione (spread).

Al tasso d’interesse vanno aggiunti poi altri costi inerenti, quali : le spese di istruttoria da addebitarsi in misura fissa o in percentuale sulla somma erogata, le spese di perizia necessarie alla valutazione commerciale dell’immobile ipotecato, le spese notarili per la stipula del contratto e  spese accessorie per l’incasso della rata o l’invio di comunicazioni ed il costo di un’assicurazione a copertura di eventuali danni all’immobile o per rischi legati alla vita del cliente stesso.

La restituzione del debito nei modi e nei termini accordati fra le parti viene pianificata schematicamente nel piano di ammortamento che stabilisce nella periodicità della singole rate, la quota capitale ossia la parte del finanziamento restituito e la quota interessi ossia l’interesse maturato.

Il piano di ammortamento più frequentemente utilizzato è il cosiddetto francese dove le rate prevedono interessi decrescenti e quote capitale crescenti: ciò significa che più il pagamento delle rate si avvicina al termine, più è basso il rimborso degli interessi ed è alta la parte di capitale.

E’ inoltre da tempo possibile effettuare con criteri di Legge, l’estinzione anticipata del mutuo, in tutto o in parte, sulla naturale scadenza prevista, senza pagare né oneri né penali, come è possibile trasferire senza spese e penalità il mutuo presso un altro ente finanziatore:  si attua la cosiddetta portabilità.